Ricerca Iniziale sul tema “Disagio scolastico da violenza assistita”

L’output prevede un’analisi del fenomeno della VAI nei paesi Europei.

Partendo dall’interazione tra i diversi partner, l’attenzione sarà focalizzata sulla comparazione degli approcci al tema nelle diverse realtà, in particolare nell’ambito scolastico.

Verranno prese in considerazione le attività già in essere a favore dell’infanzia in difficoltà con l’obiettivo di ampliare e dare un taglio specifico alle esigenze dei minori vittime di VAI. A tal fine, oggetto di studio saranno anche i diversi percorsi formativi rivolti agli Operatori scolastici. In particolare verranno studiati gli aspetti che favoriscono l’apprendimento in bambini con disturbi scolastici.

Le caratteristiche emerse, saranno oggetto di una check list di competenze, tecniche e relazionali, necessarie per adoperare l’approccio pro-sociale nelle situazioni di VAI. Ciò consentirà anche di scegliere e selezionare il target. Il confronto tra le diverse realtà e l’analisi delle competenze necessarie, forniranno una guida su come strutturare il percorso formativo, considerando cioè il livello di partenza e le aree da potenziare, per raggiungere le competenze necessarie ad arginare l’abbandono scolastico, quale effetto della VAI.

I contributi di ciascun Partner verranno raccolti in un rapporto di fine ricerca che costituirà il punto di partenza per la definizione del modello WIDE e conterrà le linee guida per lo sviluppo di un Percorso formativo innovativo.

Leader di questo Output è UAB (in stretta collaborazione con SDO) con funzione di coordinamento: impostazione del lavoro (tempi e modalità). UAB in corrispondenza dell’inizio attività del progetto, predisporrà un documento contenente la struttura della ricerca ed il relativo piano di lavoro. Il documento sarà inviato a tutti i Partner e sarà discusso in occasione del kick-off meeting, la proposta sarà integrata dalle osservazioni dei partner.

UAB provvederà all’analisi comparativa dei migliori sistemi e prassi di VAI nei percorsi formativi che i Paesi aderenti hanno individuato nelle specifiche realtà di provenienza. Infatti, ciascun partner parteciperà all’azione con il proprio contributo, la verifica cioè dello stato dell’arte nell’ambito di VAI nelle Istituzioni scolastiche primarie e secondarie. UAB si occuperà inoltre dello studio della trasferibilità del modello Pro-sociale nella scuola per contrastare la VAI.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...